54

 16,00

Non è dopoguerra, è solo un’altra guerra. Il mondo è diviso in blocchi, in realtà ideologie e frontiere si stanno già sgretolando: merci e droga non conoscono confini. Dall’Italia a Mosca a Hollywood, tra balere, viaggi clandestini oltrefrontiera e incontri di pugilato, una folla di protagonisti, spinti da una corrente che li travolge e li supera, si muove verso uno sbocco ignoto. Nuovi eretici, ex partigiani, contrabbandieri, narcotrafficanti, agenti segreti, figli in cerca di un padre si muovono e si sfiorano, inconsapevoli pedine di un grande disegno. Tra loro c’è Cary Grant, l’attore che da due anni non gira un film, il grande di umili origini la cui eleganza diventa il metro di misura della dignità personale, sull’orlo di una grande onda che sta per travolgere tutto. Sui flutti, come la bara in “Moby Dick”, galleggia un misterioso televisore, simbolo di progresso tecnologico e di radioso avvenire…

Solo 1 pezzi disponibili

54

Cod Ean: 9788806220754
Titolo: 54
Autore: Wu Ming
Curatore:
Prezzo: € 16,00
Editore: Einaudi
Anno edizione: 2014
Collana: Super ET
Pagine: 673
Formato: Libro in brossura
Traduttore:
Classificazione: NARRATIVA MODERNA E CONTEMPORANEA (DOPO IL 1945)
Abstract:

Anno di grazia 1954: la Storia ribolle tra guerra fredda, stelle del cinema e traffico mondiale di eroina. Dagli autori di Q e Manituana un ambizioso opus magnum tra spy story e affresco corale. Torna uno dei romanzi-simbolo del «New Italian Epic».

Non è dopoguerra, è solo un’altra guerra. Il mondo è diviso in blocchi, in realtà ideologie e frontiere si stanno già sgretolando: merci e droga non conoscono confini. Dall’Italia a Mosca a Hollywood, tra balere, viaggi clandestini oltrefrontiera e incontri di pugilato, una folla di protagonisti, spinti da una corrente che li travolge e li supera, si muove verso uno sbocco ignoto. Nuovi eretici, ex partigiani, contrabbandieri, narcotrafficanti, agenti segreti, figli in cerca di un padre si muovono e si sfiorano, inconsapevoli pedine di un grande disegno. Tra loro c’è Cary Grant, l’attore che da due anni non gira un film, il grande di umili origini la cui eleganza diventa il metro di misura della dignità personale, sull’orlo di una grande onda che sta per travolgere tutto. Sui flutti, come la bara in “Moby Dick”, galleggia un misterioso televisore, simbolo di progresso tecnologico e di radioso avvenire…

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “54”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *