La peste

 13,00

Orano è colpita da un’epidemia inesorabile e tremenda. Isolata, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da laboratorio per le passioni di un’umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l’edonismo di chi non crede alle astrazioni né è capace di “essere felice da solo”, il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l’indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l’egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, “La peste” è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi.

Solo 1 pezzi disponibili (ordinabile)

EAN: 9788845283512 SKU: 9788845283512 Categorie: , , , Tag: , , ,

Cod Ean: 9788845283512
Titolo: La peste
Autore: Camus Albert
Curatore:
Prezzo: € 13,00
Editore: Bompiani
Anno edizione: 2017
Collana: Classici contemporanei Bompiani
Pagine: 336
Formato: Libro in brossura
Traduttore: Mélaouah Y.
Classificazione: NARRATIVA MODERNA E CONTEMPORANEA (DOPO IL 1945)

Abstract:
Orano è colpita da un’epidemia inesorabile e tremenda. Isolata, affamata, incapace di fermare la pestilenza, la città diventa il palcoscenico e il vetrino da laboratorio per le passioni di un’umanità al limite tra disgregazione e solidarietà. La fede religiosa, l’edonismo di chi non crede alle astrazioni né è capace di “essere felice da solo”, il semplice sentimento del proprio dovere sono i protagonisti della vicenda; l’indifferenza, il panico, lo spirito burocratico e l’egoismo gretto gli alleati del morbo. Scritto da Camus secondo una dimensione corale e con una scrittura che sfiora e supera la confessione, “La peste” è un romanzo attuale e vivo, una metafora in cui il presente continua a riconoscersi.

Albert Camus

1913, Mondovi

Scrittore, filosofo, saggista, drammaturgo e anarchico francese, importantissimo esponente dell’esistenzialismo. Albert Camus nacque in Algeria, dove studiò e iniziò a lavorare come attore e giornalista. Affermatosi con il romanzo “Lo straniero” e con il saggio “Il mito di Sisifo”, raggiunse un vasto riconoscimento di pubblico nel 1947 con “La peste”. Dal 1940 a Parigi, partecipò alla resistenza. Nel dopoguerra fu caporedattore del giornale “Combat”. Nel 1957 ebbe il nobel per la letteratura (con questa motivazione: “per la sua importante produzione letteraria, che con chiarezza e onestà illuminai problemi della coscienza umana nei nostri tempi”).